I primi a scendere sulla lizza nella terza giornata di prove sono i giostratori di Porta Santo Spirito. Gianmaria Scortecci ripropone Doc (Sella Italiana di 8 anni), cavallo che ha già esperienza di Giostra e che aveva portato in Piazza il primo giorno di prove. Quasi sicuramente sabato sera si affiderà a lui per sfidare il buratto.  Dopo alcune carriere a vuoto di preparazione va al tiro per tre volte, questa sera il centro non arriva, la punta della lancia si ferma prima sul 2 e poi due volte sul 4. Nulla di preoccupante per un giostratore della sua caratura. Qualche dubbio in più per Elia Cicerchia che ha aperto la sessione in sella ad Olympia (Haflingher di 11 anni). Il primo tiro si ferma sul 2 poi aggiusta la mira e colpisce il centro. Poi cambia cavallo provando Denny (Sella Italiana di 9 anni) ed al primo tiro colpisce il 5 ed infine chiude con un 4. Dopo tre giorni di prove nulla sembra scontato sulla scelta del cavallo a cui Elia Cicerchia deciderà di affidarsi per la giostra. Spazio anche alle riserve Elia Taverni (4-2-5-2) e Niccolo’ PIneschi (5-4-4).
Alle 21.15 è la volta di Porta del Foro. Per i giostratori della Chimera sotto la guida del preparatore Gianni Cantaloni è la sera dei cavalli di riserva.
Gabriele Innocenti inizia la sessione su Nonna Isa (Anglo Arabo Sardo di 13 anni) con la quale effettua due belle carriere, la prima non va oltre il 4, la seconda marca un 5 netto. Anche lui poi cambia cavallo e su Queen (Avelignese di 11 anni) colpisce il 4. Anche stasera Innocenti è parso sul pezzo e concentrato. Anche per Davide Parsi è la sera in cui provare qualche soluzione alternativa rispetto a Nuvola. Inizia su Funny (Sella italiana di 10 anni) e colpisce per due volte il 4 poi, al terzo tentativo trova il centro. Poi su Evelien (Haflinger, sauro), colpisce subito il 5 e poi un 4.
Tanti tiri anche per le tre riserve. Francesco Rossi su Evelien, su cui poi ha provato anche Parsi, ha colpito per tre volte il 4. Tre tiri anche per Roberto Gabelli, su Oliver, che colpisce un 4, un 3 e infine il 5. Niccolo Scarpini su Jerez de la Frontera (4-4).
Anche questa sera da segnalare la tranquillità con cui i giostratori della Chimera sembrano preparare la giostra di sabato incoraggiati da una massiccia presenza di quartieristi sulla tribuna.
Terzo quartiere a scendere sulla lizza è Porta Sant’Andrea.
I bianco verdi sembrano già a buon punto nella preparazione dei cavalli e delle carriere. Enrico Vedovini, questa sera ci ha dimostrato di essere in una serata delle sue. Determinato ed essenziale. In sella a Conte Darko di Gazzara (Sella italiana di 6 anni) ha effettuato due tiri colpendo sempre il 5. L’affinità con questo cavallo che quasi sicuramente sabato sera esordirà in Giostra è sempre maggiore. Tommaso Marmorini inizia la sessione di prova su Sibilla, per lui tre tiri. Il centro arriva al secondo tentativo (3-5-4) Poi cambia cavallo e prova su Astuzia, alcune carriere a vuoto per lui e poi un 4.
I due giostratori di riserva Saverio Montini e Matteo Bruni hanno portato in piazza due cavalli esordienti. Montini su Tracy Kiss colpisce un 4 e Matteo Bruni su Urbino di Sant’Andrea colpisce un 4 molto vicino al centro.
Porta Crucifera ha concluso questo terzo giorno di prove.
Iniziano i giostratori titolari con i cavalli che correranno la giostra.
Lorenzo Vanneschi sul collaudatissimo Carlito Brigante non trova il centro. Per lui quattro tiri (4-4-3-2 ), poi su Rosa de Campeda si rifà e al primo tentativo colpisce il 5 e chiude con un 4. Risposta importante per Porta Crucifera arriva da Adalberto Rauco che su Pia (Haflingher di 10 anni) colpisce il centro al primo tiro e chiude con un 4. Anche per Rauco, poi, spazio al cavallo di riserva, Romina de Moscheta, con il quale colpisce un 4. Da notare che i rosso verdi in questi primi tre giorni di prove hanno dimostrato di esserci eccome. Seppur a corrente alternata, la coppia, nei primi due tiri ha sempre marcato 9 punti.
E’ stata infine la volta delle riserve Filippo Fardelli su Yuma (4-3-4) , Niccolo Paffetti su Mela e Lumachi su Bar Leo Remedy (3-4).