Amore e passione per la Giostra del Saracino: ecco “Corrergiostra”

0
1476

Da un’idea di persone appassionate della Giostra del Saracino e spinte da un forte senso di appartenenza alla Città di Arezzo ed alla tradizione storico-culturale nasce www.corrergiostra.it.

Un contenitore di ricordi, immagini, statistiche ed informazioni storiche su tutto ciò che è la Giostra del Saracino ed alle persone che nel tempo ne sono state i protagonisti. Un modo per parlare di Giostra 365 giorni all’anno cercando di costruire e preservare, oggi per il domani, una memoria storica della manifestazione ed al contempo divulgare notizie e curiosità relative alla manifestazione, alle attività ad essa riconnesse, ai Quartieri e a tutte le associazioni ed enti che ne sono protagonisti. Un progetto aperto alla collaborazione di tutti coloro che ne vorranno far parte per creare una memoria storica certa e duratura a disposizione della città di Arezzo e degli aretini. La ricerca muoverà ogni giorno il nostro lavoro per amore del Saracino.

Partiamo oggi sapendo che il cammino sarà lungo. Ci potranno essere nei dati da noi raccolti delle inesattezze nelle ricerche fatte, per questo l’associazione invita gli appassionati di giostra a collaborare con noi per rendere questo progetto in futuro sempre più forte e credibile.

Ringraziamo l’Amministrazione Comunale nella persona del vice Sindaco Gianfrancesco Gamurrini, i quartieri e le associazioni per l’aiuto, la collaborazione e l’incoraggiamento dato.

Un ringraziamento è rivolto a chi prima di noi ha già fatto questo lavoro attraverso pubblicazioni di tesi, libri, ricerche, siti e blog. Grazie anche a loro è stato possibile fare ricerche e raccogliere dati.

Infine il nome “corrergiostra”. Ci piace pensare che nella vita da bambini tutti gli aretini almeno una volta hanno giocato al Saracino con la bicicletta, con i carretti, a piedi o chissà in quale modo. Il sogno comune di inizio o fine estate che accompagna, ha accompagnato e accompagnerà i bambini di ieri di oggi e domani: “corrergiostra”.