“Cena dei Capitani”, amore e passione senza età

Durante la serata l’assegnazione del premio dei Capitani a Monsignor Alvaro Bardelli per la passione e attaccamento per la Giostra del Saracino

0
277

Si e’ svolta nella serata di venerdì 9 febbraio nella cornice della sala dei costumi del quartiere di Porta del Foro la seconda edizione della “Cena dei Capitani” della Giostra del Saracino.
La cena ha visto la partecipazione di oltre 30 capitani della storia della manifestazione , ”riunendo” allo stesso tavolo i vincitori di ben 71 lance d’oro.
Dopo la prima edizione dello scorso anno , si e’ voluto replicare iniziando la turnazione per lo svolgimento dell’evento nelle sede dei quartieri che per una sera diventano luogo imparziale dove a trionfare sono i ricordi dei Capitani passati e di quelli presenti che almeno per una sera ceneranno fianco a fianco a prescindere del colore del foulard che indossano e del quartiere che rappresentano o che hanno rappresentato.
La scelta della location non è stata l’unica novità ad essere stata introdotta , bensì’ una del tante, fra cui l’assegnazione del premio dei Capitani ad una personalità’ cittadina ,religiosa o laica, che negli anni si sia contraddistinta per la passione e attaccamento per la Giostra del Saracino.
Per l’anno 2023 la scelta e’ ricaduta su Monsignor Alvaro Bardelli, che da ben 31 anni e’ il riferimento della manifestazione cittadina , oltre che dell’intera città , il quale e’ stato premiato dai due Capitani vincitori delle edizioni del 2023 oltre che con i gadgets creati per l’occasione anche con una pergamena interamente fatta a mano da un vero e proprio deus ex-machina fra gli artisti che hanno legato indissolubilmente il proprio nome alla Giostra del Saracino, Claudio Milesi, e con l’anello dei capitani studiato e prodotto dalla Di.Di Gioielli di Samuele Dini.
La serata e’ stata impreziosita poi dal succulento menu’ preparato dalle sapienti mani della cucina del quartiere giallo cremisi che hanno deliziato ed entusiasmato i commensali presenti.
La serata che sarebbe stata storica, lo si era ben capito fin da subito anche fra gli addetti ai lavori e gli organizzatori (i capitani storici e plurivittoriosi Andrea Lanzi, Maurizio Fazzuoli , Fabio Barberini e Gianni Cantaloni ) che in qualità di padrone di casa ha studiato nei minimi particolari tutti gli aspetti e si e’ prodigato perché fossero presenti in bella mostra tutti e quattro gli elmi dei capitani della Giostra del Saracino, fatto mai registratosi prima nella storia della manifestazione all’interno della sede di uno dei quattro quartieri.
Altra “ciliegina sulla torta” e’ stata la presenza del Libro del Cancelliere della Giostra del Saracino (da poco e’ andato in “pensione”), portato dall’inesauribile Rossella Capocasale dell’Ufficio Giostra del Saracino, che ha dato bella mostra di se per l’intera serata, sfogliato con molta delicatezza e attenzione e ammirato da chi in quel libro e’ menzionato e da chi ha fatto la storia della manifestazione aretina.
La serata si e’ conclusa poi con il taglio della torta fatto dai quattro capitani attualmente in carica e con la “premiazione” di tutti i presenti con una foto numerata e in edizione limitata creata per l’occasione e un portachiavi dedicato all’evento.
Il prossimo appuntamento sarà per l’anno 2025, sempre il 9 febbraio, presso il Quartiere di Porta Sant’Andrea.

Alessandro Dragoni