A dare l’annuncio di rimettere il mandato di coordinatore di regia della Giostra del Saracino è stato lo stesso Gianni Sarrini con una nota personale dove spiega le motivazioni che gli impediscono di portare avanti il ruolo a lui assegnato dalla Giunta Comunale. 

Lo scorso dicembre ho accettato, non nascondo con qualche titubanza, dietro esplicito invito dell’amico nonchè assessore alla Giostra Gianfrancesco Gamurrini la conferma anche per il 2020 nell’incarico di coordinatore di regia della Giostra del Saracino.

L’ho fatto in un momento difficile per me sotto il profilo familiare, per le condizioni di salute di un mio stretto familiare ma confortato dai medici che prevedevano un miglioramento delle sue condizioni. Purtroppo non è andata così: le sue condizioni si sono aggravate al punto di renderlo bisognoso di continua assistenza anche per più elementari esigenze.

Di questa situazione ho avvisato subito Gamurrini (era l’inizio di febbraio) che con grande comprensione umana e personale mi ha detto: “adesso pensa al tuo babbo, del resto ne riparliamo.”

Purtroppo in questo mese la situazione non è cambiata di nulla, anzi è peggiorata. Non mi sento quindi in condizioni di prendere impegni a breve/medio termine.

Per questo nei prossimi giorni mi incontrerò con l’assessore, mettendogli a disposizione il mandato ricevuto pochi mesi or sono. Lo devo anzitutto a lui che mi ha fortemente voluto in questo ruolo.

Ringrazio il sindaco e la giunta per la fiducia e la stima mostratami. Ho avuto l’opportunità di vedere la Giostra da un altro punto di vista e ne sono felice.“