Il Re delle Indie, il film sulla Giostra del Saracino

Domenica 14 maggio alle ore 20,30 al Cinema Eden verrà proiettato in prima assoluta il film sulla Giostra del Saracino dal titolo "Il Re delle Indie"

0
757

Domenica 14 maggio alle ore 20,30 verrà proiettato in prima assoluta il film sulla Giostra del Saracino dal titolo “Il Re delle Indie”. Abbiamo incontrato Gaetano Maria Mastrocinque che ha scritto e diretto il film per farci raccontare come nasce l’idea e darci qualche anticipazione su quello che tutti potranno vedere il 14 maggio al Cinema Eden.

“Il Re delle Indie è un lungometraggio sulla Giostra del Saracino di 75 minuti che racconta l’aspetto sportivo agonistico del saracino – ci racconta Gaetano Maria Mastrocinque – e nasce dall’idea di raccontare attraverso il linguaggio cinematografico aspetti diversi da quello che può essere il tipico racconto aretino della giostra. Si tratta di un viaggio all’interno delle peculiarità delle stalle, del punto di vista dei giostratori che ogni anno lavorano duramente per la giostra e il loro sacrificio viene riassunto in circa 4 secondi e mezzo in cui sono chiamati ad affrontare il Buratto.”

Ci racconti una curiosità che durante le riprese vi ha colpito del mondo della Giostra del Saracino?

Sicuramente l’aspetto più interessante per me e i miei colleghi di Milano è stato il montaggio del Buratto. Un evento che passa più in secondo piano all’interno dell’evento stesso e dei vari appuntamenti che ci sono durante l’avvicinarsi alla giostra ma è stato molto interessante vedere e capire il posizionamento, il fissaggio e il gruppo di persone e referenti che sono chiamati a valutare il corretto posizionamento del Buratto. Noi scopriamo la tecnica del Buratto aperto o chiuso, discussioni che animano i quartiristi e per noi è stato molto bello e curioso.

Alcune volte colpire il centro fa davvero la differenza?

Questo è il claim del film, la nostra volontà è stata quella di costruire una frase che in qualche modo riassumesse la narrazione del film. Abbiamo scelto questa frase per giocare con la parola centro. Da una parte c’è il giostratore che deve colpire il cinque perchè la giostra si gioca su millimetri per conquistare la lancia d’oro e dall’altro lato è il centro emozionale, il centro della vita, il centro che per i nostri protagonisti, i giostratori che si sfidano non è racchiuso in modo figurato solo nel centro del tabellone ma è per ognuno di loro qualcosa di diverso. Per alcuni di loro il centro può essere rompere il digiuno, per altri proseguire sulla scia del successo.

Ci puoi descrivere come viene raccontata la figura del giostratore nel film

La figura del giostratore nel film emerge in modo molto forte, possiamo dire che è lui il protagonista a tutto tondo. Una coralità di personaggi che sono i giostratori che parallelamente all’interno della narrazione i loro punti di vista si susseguono, momenti in cui dichiarano la sfida o altri in cui ci raccontano i loro segreti in preparazione della giostra. Nella versione inglese abbiamo voluto premiare la parola cavaliere anzichè giostratore sapendo che non sono la stessa cosa però trattandosi di antico torneo cavalleresco ci sembrava più opportuno evidenziare la figura del cavaliere a discapito di quella del giostratore per rendere la cosa ancora più medievale e cavalleresca.

Come stanno andando le prevendite per la prima assoluta del 14 maggio al cinema Eden?

Le prevendite per fortuna vanno molto bene rimangono a disposizione circa 70 tagliandi e ci auguriamo di fare il tutto esaurito che per noi sarebbe una risposta positiva rispetto alla comunicazione che stiamo facendo e alle aspettative, per invogliarci a fare una replica successivamente. Siamo molto contenti e ringraziamo il Cinema Eden e Michele per la collaborazione e il lavoro intenso che stanno facendo. Un ringraziamento particolare per questa produzione che se è stata possibile va a Martino Gianni e alla sua famiglia che con pazienza e gentilezza ci hanno sempre accolto nella loro casa con tanto affetto a loro va un grazie speciale.

 

Titolo: Il Re delle Indie
Tipologia: Film/documentario
Genere: Sportivo;Tradizione
Durata: 75 min
Log-line: “Alcune volte colpire il centro fa davvero la differenza…”