Gruppo Musici: l’elenco completo dei figuranti

0
2342

Saranno ben 55 i Musici che domenica 5 settembre sfileranno nuovamente per il centro cittadino dopo 2 anni di attesa agli ordini del capogruppo Marco Memonti. Gruppo al gran completo dunque, che, nonostante le difficoltà legate all’ultimo anno e mezzo, è riuscito a formare nuovi elementi che prenderanno parte al corteggio ed esordiranno in Piazza Grande.

La composizione in piazza

1 Labaro (colui che precede il Gruppo e porta lo Stendardo)

3 Lucchi (generalmente i dirigenti del Gruppo che assistono i musici)

12 Tamburi (fra cui tre “bassi”, coloro che scandiscono il tempo)

33 Chiarine (la vera e propria “voce della Giostra”)

6 Rullini (quei giovani tamburini che accompagnano dall’inizio della Lizza l’ingresso in campo dell’Araldo e dei primi figuranti)

Labaro: Ermini Paolo.

Lucchi Nappini Mauro, De Robertis Lorenzo, Alì Roberto.

Chiarine: Agostinelli Francesco, Belardini Matteo, Berbeglia Lorenzo, Bidini Andrea, Bidini Marco, Borghi Francesco, Caneschi Fabio, Carboni Andrea, Cardeti Tommaso, Cardinali Fabio, Chiarini Simone, Donatello Alessio, Donati Tommaso, Maccari Andrea, Maestri Marco, Mancini Mauro, Marconi Fabio, Memonti Marco (capogruppo), Olivi Estulli Nicola, Palazzi Andrea, Peruzzi Maurizio, Peruzzi Michele, Rossi Fabio, Sacchini Luca, Stanganini Jacopo, Stanganini Michele, Storri Claudio, Tacconi Lorenzo, Truciolini Alessandro, Truciolini Jacopo, Villani Andrea.

Tamburi : Bartalesi Andrea, Dini Samuele, Franci Damiano, Mafucci Mattia, Magi Matteo, Marcantoni Roberto, Milesi Andrea, Milesi Gianluca, Nocentini Emanuele, Paggetti Samuele, Pericoli Davide (capo tamburo), Rossi Leonardo.

Rullini: Bonini Mattia, Mazzi Riccardo, Degli Innocenti Leo, Caporalini Lorenzo, Toci Elia.

Musiche

Durante il corteggio storico vengono eseguiti brani ritmati e lenti per dare il segnale ed il ritmo al corteggio storico.

In Piazza Grande: subito dopo l’annuncio dell’ingresso viene eseguita la “Sigla Pietri”. Il Gruppo parte sul passo svelto ed esegue il “Passo due”. Da notare ed apprezzare il caratteristico cambio di passo, da veloce a lento, che tutto il Gruppo esegue all’unisono sulla Lizza.

E’ il segnale che sta per essere suonata la “Marcia della Giostra”, più comunemente conosciuta come “Il Monci”, essendo un pezzo scritto dal fondatore del Gruppo e ormai entrato nella mente e nel cuore di tutti gli aretini. La “Marcia della Giostra” è un brano molto difficile da eseguire sia per le chiarine, sia per i tamburi i quali devono eseguire ben sessantatré battute di tamburo. Al termine dell’esecuzione il Gruppo prende il proprio posto a lato della Lizza ed accompagna l’entrata in Campo dei Quartieri e degli altri figuranti.

L’ ingresso in Piazza del Glorioso Gonfalone del Comune di Arezzo e della Lancia d’Oro viene accompagnato dal brano “Marcia”. Emozionante e partecipato infine è il momento dell’esecuzione di “Terra d’Arezzo”, brano scritto da Alberto Severi e musicato da Giuseppe Pietri. Quale curiosità musicale è il fatto che in Piazza Grande non viene eseguita la versione integrale, ma solo la melodia della strofa e due volte il ritornello.

Molto apprezzato dal pubblico è il mini concerto che viene effettuato in Piazza San Francesco al termine della cerimonia del Bando.